.
Annunci online

Costantinopolis
IL NEW MAGAZINE DELLO S-M-O-R-A : " un vento leggero che mi vuole bene . "
CULTURA
24 luglio 2011
25 luglio la fine della dittatura e l'inizio per la lotta della libertà

Segreteria di S.A.I. il Governatore Maximo

N.Prot. Segr Gov. /024/2011                                                                         Sede degli Adrianei


 Carissimi concittadini,amici,compagni di avventura , oggi 25/07/2011 celebriamo un’importante data,un avvenimento che rischia di essere in questi giorni trascurato sia per i fatti tragici accaduti in questi ultimi giorni in Norvegia , sia per le solite bagarre in cui si dibatte un morituro sistema politico della nazione italiana , sia per una certa compiacenza televisiva all’attuale regime.

 Cos’è il 25 luglio del 1943? Fu un giorno importante non solo per l’Italia ,ma anche per chi crede che la libertà trionfi sempre anche se a caro prezzo. Per questo la nostra nazione l’ha scelta come momento di commemorazione e festività nel suo calendario .Non è una semplice data estiva , magari in cui iniziano le vacanze ,ma fu il momento in cui un personaggio idolatrato ed intoccabile quale fu Benito Mussolini, il Duce d’Italia,il Novello Cesare,il Salvatore della Patria ,il fondatore dell’Impero e dell’Italia Nuova ,fu destituito dai suoi stessi amici camerati, durante la tragica riunione del Gran Consiglio tenutosi tra il 24 e d il 25 luglio del 1945, forse dovuto ad un momento di reale coscienza degli avvenimenti in cui le fanfaronate del romagnolo avevano scaraventato la povera e misera italietta di cartapesta in un gioco molto più grande delle sue possibilità, oppure , con un fare tutto italiano , l’applicazione del cosi detto “ si salvi chi può” per trovare indulgenza presso le nazioni alleate che ormai attaccavano su tutti i fronti ed in modo vittorioso ,il malefico asse , che in pochi anni aveva trasformato il mondo da una teorica follia delirante di un nuovo ordine mondiale , quale l’ affermazione di una razza superiore sia in occidente che in oriente ad un massacro mondiale. Rimandiamo il pensiero di quei giorni agli scritti e alle testimonianze che sapranno meglio di me illustrarvi i fatti cercando di evitarvi gli effetti polpettoni di cui siamo vittime in questa epoca di globale ignoranza. Esaminiamo assieme in rapide linee e con l’ausilio di vari autori che avvenimenti condussero a quella decisione fino ad allora impensabile. Ovviamente come tutte le operazione non ci si sveglia la mattina , ci si veste di orbace e si dichiara il Duce ,sino ad allora osannato ,decaduto .Sicuramente influirono due elementi essenziali:
1. L’andamento della guerra ed il contesto socio/politico e militare che si venne a creare;
2. la crisi che stava attraversando il P.N.F.(PARTITO NAZIONALE FASCISTA) nei suoi ranghi più alti oltre all’insofferenza di un popolo che non capiva quelle restrizioni e la distruzione di un paese per le megalomanie di un uomo. Esaminiamo il contesto storico e militare:


Cronologia del - 1943 gennaio In Italia situazione catastrofica: bombardamenti quotidiani, interruzione dei trasporti, mancanza di viveri, ecc.
 15 gennaio Kesselring annuncia a Mussolini il ritiro di tutte le truppe tedesche dall'Africa.
31 gennaio La VI Armata tedesca capitola a Stalingrado. È il momento di svolta della guerra.
2 febbraio Il generale Ambrosio succede a Cavallero come capo di stato maggiore generale.
 5 febbraio Rimaneggiamento del governo fascista: Mussolini assume il ministero degli Esteri e Galeazzo Ciano viene nominato ambasciatore presso la Città del Vaticano.
 12 febbraio In Tunisia la V Armata tedesca, serrata con le truppe italiane nella morsa anglo-americana, tenta di rompere l'accerchiamento, ma ottiene solo un successo locale.
18 febbraio In Germania Goebbels proclama la "guerra totale".
1 marzo In Italia riduzione del 25% dell'energia elettrica per l'illuminazione. Grandi scioperi operai scuotono le strutture del regime.
 6 marzo In Tunisia la I Armata italiana attacca vanamente le truppe di Montgomery. 10 marzo Rommel abbandona l'Africa e ritorna in Germania.
7-10 aprile Incontro Mussolini-Hitler a Salisburgo. 17 aprile Carlo Sforza succede a Vidussa nella segreteria del Partito fascista.
12 maggio Mussolini autorizza l'armata italiana ad arrendersi e nomina Messe Maresciallo d'Italia.
15 maggio Discorso di Mussolini dal balcone di Piazza Venezia ("In Africa ritorneremo").
6-11 giugno Dopo 6 giorni e 6 notti di massicci bombardamenti la base di Pantelleria si arrende agli anglo-americani.
10 giugno Nella riunione del Consiglio dei ministri alcuni membri del gabinetto denunciano l'insostenibilità della situazione.
24 giugno Giovanni Gentile parla in Campidoglio per rianimare il fronte interno. Mussolini, parlando ai gerarchi, si scaglia contro i fautori della pace e detta le ultime disposizioni in caso di sbarco nemico (discorso detto del "bagnasciuga", che sarà reso pubblico 6 giorni dopo).
1 luglio Il vicepresidente romeno, in visita a Roma, suggerisce a Mussolini lo sganciamento dall'Asse.
 9 luglio Gli Alleati sbarcano in Sicilia, a Gela.
10 luglio Sbarco alleato ad Augusta. Gli anglo-americani dilagano rapidamente per tutta la Sicilia.
19 luglio Convegno Mussolini-Hitler a Feltre: monologo del Führer, al quale Mussolini non osa chiedere il permesso di sganciarsi. Il duce ripone speranza nelle "armi segrete" che la Germania sta preparando. Pesante bombardamento alleato su Roma.
 22 luglio Gli Alleati entrano a Palermo. Dino Grandi, membro del Gran Consiglio del fascismo, informa Mussolini dell'ordine del giorno che intende presentare alla successiva riunione. 23 luglio Ultima seduta del Tribunale speciale. Dall'inizio dell'anno sono stati condannati 141 antifascisti, complessivamente a 1.349 anni di reclusione. Una condanna a morte (non eseguita). 24 luglio Alle 17 si apre la seduta del Gran Consiglio del fascismo.
 25 luglio Alle 3 del mattino viene approvato l'ordine del giorno presentato da Grandi (con 19 voti su 27). Alle 17 Mussolini porta al re le decisioni del Gran Consiglio e viene informato che sarà sostituito a capo del governo dal generale Badoglio. Al termine dell'udienza Mussolini viene tratto in arresto. Il radiogiornale della sera (ore 22.45) informa gli italiani dell'accaduto. Grandi manifestazioni antifasciste in tutta Italia.
 27 luglio Prima riunione del governo Badoglio: si decide l'immediato scioglimento del Partito fascista, la soppressione del Gran Consiglio e del Tribunale speciale, la liberazione dei condannati politici, il divieto di costituzione di qualsiasi partito.


 Citiamo inoltre un passo importante : “..Il 9-10 luglio 1943 gli Alleati (inglesi, americani e canadesi) sbarcarono in Sicilia, incontrando — salvo che a Catania — scarsa resistenza. Mussolini aveva predetto che, se si fosse verificato lo sbarco, le truppe anglo-americane sarebbero state annientate "sulla linea del bagnasciuga" (termine che aveva tutt’altro significato di quello che Mussolini gli attribuiva). Mentre Hitler faceva preparare i piani per una eventuale occupazione dell’Italia, all’interno si studiava la possibilità di defenestrare legalmente il Duce, adoperando a tale scopo il Gran Consiglio. Non più riunito dal 1939, questo supremo organo costituzionale del fascismo poteva riassumere le sue funzioni e procedere quanto meno a una riduzione dei poteri del dittatore.Il 16 luglio 1943 un gruppo di gerarchi guidato da Farinacci e da Scorza sottopose la proposta di riunire il Gran Consiglio allo stesso Mussolini, che l’accettò, mentre il re finalmente si muoveva nella stessa direzione. Pochi giorni dopo, il 19 luglio, Mussolini e Hitler s’incontrarono a Feltre: al solito il Fùhrer parlò lui soltanto per un paio d’ore, accusando l’altro per le deficienze dello sforzo bellico italiano. Mussolini, tacendo, diede l’impressione di accettare tali accuse. In pari tempo, però, Hitler dipinse una prospettiva ottimistica sulle sorti del conflitto. Episodio caratteristico: durante una pausa della riunione il generale Ambrosio e il sottosegretario agli Esteri Bastianini tentarono di far intendere a Mussolini che egli aveva il dovere di convincere l’interlocutore che l’Italia non era più in grado di combattere; Mussolini si disse d’accordo, promise che l’avrebbe fatto, ma, tornato a colloquio con il Fuhrer, non se la sentì e rimase nuovamente in silenzio. Di fronte alle contestazioni di Ambrosio e di altri del seguito per il suo rinnovato silenzio, Mussolini reagì trincerandosi dietro la difesa del regime, che in caso di sganciamento sarebbe stato distrutto: era il destino del partito e del regime fascista, non quello dell’Italia, che nel suo animo si poneva in primo piano. Durante il colloquio con Hitler, Mussolini fu informato che in quel momento si stava effettuando il bombardamento di Roma da parte degli aerei alleati: un bombardamento che fece vittime e danni nel quartiere popolare di San Lorenzo e accelerò la crisi finale del regime”-


 
Dagli argomenti esposti sembrano chiare le premesse che condussero al Gran Passo che consentì al popolo italiano il riscatto da una dittatura umiliante e disastrosa .Fu la riconquista delle proprie libertà ,della capacità di essere un libero cittadino che non fu scevro di ulteriori dolori e atrocità che condussero all’attuale repubblica e alla sua prima costituzione non ottriata ,ma scelta da una libera costituente che condurrà il paese verso il progresso. Queste cose sembrano lontane e non sempre assimilabili dalle giovani generazioni ( anche se quelle vecchie in fatto di ignoranza non sono da meno ) ,ma il rimbambimento a cui sono stati sottoposti da almeno 20 anni creando un pericoloso effetto polpettone mina le tutte le pene,i morti ,i sacrifici che consente a loro di poer scrivere liberamente minchiate su argomenti seri e che meritano un deciso approfondimento storico e politico. Citiamo quella riunione che fu determinante e i suoi retroscena : “..Le premesse L'operazione era stata elaborata in segreto da alcuni mesi da Dino Grandi d'intesa con il re Vittorio Emanuele III. Come si poteva deporre legalmente il Duce? Il Duce poteva essere esautorato solo dal Re. Ma il monarca non ne aveva più il potere, avendolo consegnato tutto al Duce, sia quello di governo sia quello delle Forze armate. Quindi occorreva come prima cosa che fossero ripristinati i poteri costituzionali del Re; il quale poi avrebbe tolto le deleghe del comando militare a Mussolini e le avrebbe assegnate ad altri.. Come fare per "restituire" i poteri costituzionali al Re? I gerarchi si sarebbero rivolti formalmente al monarca, chiedendogli di applicare l'articolo 5 dello Statuto Fondamentale del Regno (meglio noto come Statuto Albertino). Era questo l'articolo che attribuiva al Re il Comando Supremo delle Forze Armate, che aveva delegato a Mussolini, e attribuiva al Capo dello Stato ogni decisione di vertice. Lo strumento del Gran Consiglio serviva precisamente allo scopo. Il compito di parlare a nome dei gerarchi davanti a Mussolini fu assolto da Dino Grandi, sia perché era presidente della Camera, ma anche perché godeva di un grandissimo prestigio tanto che molti lo indicavano come probabile successore di Mussolini. Il piano rappresentava peraltro una mano tesa a Mussolini, cui si forniva una via di uscita che lo sollevava dal pagare per la responsabilità di aver condotto il Paese vicino alla rovina. « Ebbene, convocherò il Gran Consiglio. Si dirà in campo nemico che si è radunato per discutere la capitolazione. Ma l'adunerò. » (Con questa frase Mussolini accettò di convocare il Gran Consiglio il 24 luglio 1943) La riunione del Gran Consiglio, che non si teneva dal 1939, non fu ovviamente chiesta esplicitamente per deporre il Duce, bensì per esaminare la conduzione militare del conflitto; pare a taluni studiosi assai inverosimile che il Duce, accorto conoscitore e della politica e dei suoi gerarchi, non sospettasse subito l'argomento e non si rendesse conto che il Gran Consiglio aveva in mente di destituirlo, perciò è stata avanzata l'ipotesi (forse confortabile a posteriori dalla condotta dell'interessato durante la riunione) che Mussolini intendesse effettivamente rimettersi alle loro decisioni. Chiesta una prima volta il 13 luglio, Mussolini la respinse. Una nuova richiesta venne fatta il 16. Tre giorni dopo, Mussolini, di ritorno dall'incontro con Hitler presso Feltre (BL), la concesse appunto per la sera del 24. Dal fronte giungevano intanto notizie sempre più allarmanti: il 22 luglio gli anglo-americani avevano completato la conquista della Sicilia e si apprestavano a risalire la penisola. La seduta I lavori ebbero inizio poco dopo le 17. I consiglieri erano tutti in uniforme fascista con sahariana nera. Il segretario del partito fascista, Carlo Scorza chiamò l'appello, ma per il resto della seduta l'attività di segreteria fu svolta dallo staff della Camera dei Fasci e delle Corporazioni al seguito di Dino Grandi, presidente di quel ramo del Parlamento[6]. Mussolini riassunse la situazione bellica poi trasse le sue conclusioni: « Ora il problema si pone. Guerra o pace? Resa a discrezione o resistenza a oltranza?...Dichiaro nettamente che l'Inghilterra non fa la guerra al fascismo, ma all'Italia. L'Inghilterra vuole un secolo innanzi a sè, per assicurarsi i suoi cinque pasti. Vuole occupare l'Italia, tenerla occupata. E poi noi siamo legati ai patti. Pacta sunt servanda. » (Mussolini al termine del discorso introduttivo nella seduta del Gran Consiglio) Esito della votazione nominativa e riassuntiva dell'Ordine del Giorno Grandi Poi Grandi illustrò il suo O.d.G. In sostanza chiedeva il ripristino "di tutte le funzioni statali" e invitava il Duce a restituire il Comando delle Forze armate al Re. Presero la parola alcuni gerarchi, ma non per affrontare gli argomenti degli O.d.G., bensì per fare chiarimenti o precisazioni. Si attendeva un intervento incisivo del capo del governo. Mussolini, invece, affermò impassibile di non avere nessuna intenzione di rinunciare al comando militare. Si avviò il dibattito che si protrasse fin oltre le undici di sera. Grandi diede un saggio delle sue grandi capacità oratorie: dissimulando abilmente lo scopo reale del suo O.d.G., si produsse in un elogio sia di Mussolini che del Re. Anche lo stesso Ciano prese parola per difendere l'O.d.G. contestando le parole di Mussolini: « Pacta sunt servanda? Si, certamente: però, quando vi sia un minimo di lealtà anche dall'altra parte. Ed invece, noi italiani abbiamo sempre osservato i patti, i tedeschi mai. Insomma, la nostra lealtà non fu mai contraccambiata. Noi non saremmo, in ogni caso, dei traditori ma dei traditi. » (Galeazzo Ciano in difesa dell'O.d.G.) A questo punto anche Roberto Farinacci presentò un analogo Ordine del giorno. Successivamente Carlo Scorza diede lettura di due missive indirizzate a Mussolini in cui il segretario del partito chiedeva al Duce di lasciare la direzione dei ministeri militari. I presenti rimasero molto colpiti, sia dal contenuto, sia dal fatto stesso che Mussolini avesse autorizzato Scorza a leggerle in quella sede. Quando si era arrivati ben oltre le undici di sera, la seduta venne sospesa momentaneamente e Grandi ne approfittò per raccogliere firme a favore dell'O.d.G.. Alla ripresa anche Bottai si espresse a favore dell'O.d.G. Grandi. Poi prese la parola Carlo Scorza, che invece invitò i consiglieri a non votarlo e presentò un proprio O.d.G. a favore di Mussolini. Alcuni presenti valutarono nell'O.d.G. Grandi solamente il fatto che Mussolini veniva "sgravato dalle responsabilità militari" e, al contempo, la monarchia veniva chiamata all'azione, "traendola dall'imboscamento" (come dirà a posteriori Tullio Cianetti). Non si rendevano conto di quali enormi conseguenze avrebbe avuto un loro eventuale voto favorevole sull'assetto del regime. Alla fine del dibattito, i consiglieri si aspettavano un cenno di Mussolini. Di solito egli riassumeva la discussione e i presenti si limitavano a prendere atto di quello che aveva detto. In quest'occasione, invece il Capo del governo non espresse alcun parere e, adottando un atteggiamento passivo, decise di passare subito alla votazione degli O.d.G. Inoltre, anziché cominciare da quello di Scorza, fece iniziare da quello di Grandi. Questa decisione di "disimpegno" fu fondamentale ed impresse una svolta decisiva all'esito della riunione. La votazione I 28 componenti del Gran Consiglio furono chiamati a votare per appello nominale. La votazione sull'ordine del giorno Grandi si concluse con: • 19 voti a favore (Dino Grandi, Giuseppe Bottai, Luigi Federzoni, Galeazzo Ciano, Cesare Maria De Vecchi, Alfredo De Marsico, Umberto Albini, Giacomo Acerbo, Dino Alfieri, Giovanni Marinelli, Carluccio Pareschi, Emilio De Bono, Edmondo Rossoni, Giuseppe Bastianini, Annio Bignardi, Alberto De Stefani, Luciano Gottardi, Giovanni Balella e Tullio Cianetti che il giorno dopo scrisse a Mussolini ritrattando il suo voto); • 8 voti contrari (Carlo Scorza, Roberto Farinacci, Guido Buffarini-Guidi, Enzo Galbiati, Carlo Alberto Biggini, Gaetano Polverelli, Antonino Tringali Casanova, Ettore Frattari); • un astenuto (Giacomo Suardo). Dopo l'approvazione dell'O.d.G. Grandi, Mussolini ritenne inutile porre in votazione le altre mozioni e tolse la seduta. Alle 2,40 i presenti lasciarono la sala. Le conseguenze L'indomani, 25 luglio, Mussolini si recò a Villa Savoia per un colloquio con il Re, che aveva fatto sapere che lo avrebbe ricevuto alle 16; vi si recò accompagnato dal segretario De Cesare, con sotto braccio una cartella che conteneva l'ordine del giorno Grandi, varie carte, e la legge di istituzione del Gran Consiglio, secondo cui l'organismo aveva solo carattere consultivo[7]. Il Re gli comunicò la sua sostituzione con il Maresciallo d'Italia Pietro Badoglio e infine lo fece arrestare all'uscita di Villa Savoia. Per tutta la giornata venne mantenuto uno strettissimo riserbo su quanto accaduto. Solo alle 22,45 fu data la notizia. La radio interruppe le trasmissioni per diffondere il seguente comunicato: « Sua Maestà il Re e Imperatore ha accettato le dimissioni dalla carica di Capo del Governo, Primo ministro e Segretario di Stato, presentate da S.E. il Cavaliere Benito Mussolini, e ha nominato Capo del Governo, Primo ministro e Segretario di Stato, S.E. il Cavaliere Maresciallo d'Italia Pietro Badoglio. » Badoglio, per non destare sospetti nei confronti dei tedeschi, pronunciò, in un discorso radiofonico alla nazione, queste parole: « […] La guerra continua a fianco dell'alleato germanico. L'Italia mantiene fede alla parola data, gelosa custode delle sue millenarie tradizioni […]. » L'indomani (lunedì 26 luglio) la notizia aprì le prime pagine dei quotidiani. Tutti la pubblicarono con caratteri cubitali. Nessun giornale, però, sapeva che cosa ne era stato di Mussolini. L'intera giornata del 26 trascorse senza avvenimenti di rilievo. Solo la mattina del 27, martedì, la stampa diede notizia che il Gran Consiglio, nella notte tra il 24 e il 25, aveva votato l'ordine del giorno di Dino Grandi con la conseguente assunzione dei poteri da parte del Re . Oggi è un giorno di libertà,mia madre ne parlava con entusiasmo ,come una coltre nera e pesante avvolgesse la libera vita degli italiani.purtroppo la felicità durò poco e la restituita libertà avverrà in un altro 25 ,ma di aprile del 1945 dopo che il paese fu devastato nelle cose e nell’anima ,ma con tutto ciò si seppe risollevare e costruire .anche con tutti i suoi difetti e problemi irrisolti,un paese moderno e libero che spera ancora in un’ulteriore riscatto del suo popolo,umiliato,ma mai invitt
o!

Casa degli Adrianei 24-25/07/2011

S.A.I. GIOVANNI I GOVERNATORE MAX


POLITICA
3 maggio 2011
Adesivi per i referendum :scaricate e diffondete




permalink | inviato da Costantinopolis il 3/5/2011 alle 21:58 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
politica interna
3 maggio 2011
I quesiti referendari
da  http://www.repubblica.it/politica/2011/03/03/news/quesiti_referendum-13130298/index.html?ref=HRER2-1






LA SCHEDA
Acqua, nucleare e legittimo impedimento
ecco i quattro quesiti referendari

Legittimo impedimento
Il quesito dalle possibili ripercussioni politiche più forti è naturalmente quello per abrogare la legge sul legittimo impedimento. A proporre il referendum è stata l'Italia dei Valori. Dopo la dichiarazione di parziale incostituzionale della legge sul legittimo impedimento, la Corte di Cassazione ha autorizzato, con ordinanza, lo svolgimento del referendum.

"Volete voi che siano abrogati l'articolo 1, commi 1, 2, 3, 5, 6 nonchè l'articolo 1 della legge 7 aprile 2010 numero 51 recante "disposizioni in materia di impedimento a comparire in udienza?".

Nucleare
Lungo e articolato il quesito referendario presentato dall'Idv per abrogare la norma per la "realizzazione nel territorio nazionale di impianti di produzione di energia nucleare". Si tratta di una parte del decreto legge recante "Disposizioni urgenti per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività, la stabilizzazione della finanza pubblica e la perequazione tributaria" firmato il 25 giugno 2008 e convertito in legge "con modificazioni" il 6 agosto dello stesso anno.

"Volete voi che sia abrogato il decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133, nel testo risultante per effetto di modificazioni ed integrazioni successive, recante Disposizioni urgenti per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività, la stabilizzazione della finanza pubblica e la perequazione tributaria, limitatamente alle seguenti parti: art. 7, comma 1, lettera d: realizzazione nel territorio nazionale di impianti di produzione di energia nucleare?".

Acqua 1
Il primo quesito sulla privatizzazione dell'acqua riguarda le modalità di affidamento e gestione dei servizi pubblici locali di rilevanza economica.

"Volete voi che sia abrogato l'art. 23 bis (Servizi pubblici locali di rilevanza economica) del decreto legge 25 giugno 2008 n.112 "Disposizioni urgenti per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività, la stabilizzazione della finanza pubblica e la perequazione tributaria" convertito, con modificazioni, in legge 6 agosto 2008, n.133, come modificato dall'art.30, comma 26 della legge 23 luglio 2009, n.99 recante "Disposizioni per lo sviluppo e l'internazionalizzazione delle imprese, nonché in materia di energia" e dall'art.15 del decreto legge 25 settembre 2009, n.135, recante "Disposizioni urgenti per l'attuazione di obblighi comunitari e per l'esecuzione di sentenze della corte di giustizia della Comunità europea" convertito, con modificazioni, in legge 20 novembre 2009, n.166, nel testo risultante a seguito della sentenza n.325 del 2010 della Corte costituzionale?".

Acqua 2
Il secondo quesito riguarda la determinazione della tariffa del servizio idrico integrato in base all'adeguata remunerazione del capitale investito. In questo caso agli elettori viene proposta una abrogazione parziale della norma.

"Volete voi che sia abrogato il comma 1, dell'art. 154 (Tariffa del servizio idrico integrato) del Decreto Legislativo n. 152 del 3 aprile 2006 "Norme in materia ambientale", limitatamente alla seguente parte: "dell'adeguatezza della remunerazione del capitale investito"?".



permalink | inviato da Costantinopolis il 3/5/2011 alle 13:34 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
POLITICA
13 novembre 2010
Rangoon, rilasciata Aung San Suu Kyi
Questo blog da tempo si è occupato del popolo birmano e di una delle sue eroine che finalmente è stata liberata.Auguriamo a questo popolo la libertà che merita ed oggi ha una voce autorevole iin più per questo.
W LA LIBERTò E I DIRITTI UMANI.!
http://www.repubblica.it/esteri/2010/11/13/news/san_suu_kyi_attesa_per_la_liberazione_non_si_trova_accordo_su_condizioni_rilascio-9054090/?ref=HREA-1

Per chi mi seguiva sono su facebook ai seguenti link:

http://www.facebook.com/#!/pages/Il-Giorno-della-Memoria-27-gennaio-1945-Mai-Piu/70666548528
cinema
27 settembre 2008
Addio Paul!
Oggi è scomparso un Grande del cinema:Paul Newman
 Addio Paul!







Video tratto da youtube http://it.youtube.com/watch?v=uUdhDNdzRlk



permalink | inviato da Costantinopolis il 27/9/2008 alle 21:51 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa
calcio
23 marzo 2008
UNA GRANDE JUVE CI HA REGALATO UNA GRANDE PASQUA.FORZA ALEX ,FORZA BUFFON ,FORZA TUTTI NOI CHE SIAMO I MIGLIORI NONOSTANTE TUTTO ,SIAMO L'ITALIA CHE SOFFRIAMO E PERDIAMO ,MA SAPPIAMO ANCHE RIALZARCI CON DIGNITà E VITTORIOSI!ALèèèèèèèèèòòòòòò!!!!!

COME HO MESSO NELL'ABBONDANTE TITOLO, UNA GRANDE JUVE HA RIAPERTO UN CAMPIONATO CHE SEMBRAVA CHIUSO.
 LA JUVENTUS CHE SA CADERE E RIALZARSI CON ORGOGLIO E DIGNITA', HA PUNITO L'ARROGANZA DELLA SQUADRA AMBROSIANA,IL FINTO SIGNORE MORATTI E LA SCEMITAGGINE DI MANCINI.PER NOI LO SCUDETTO è ANCORA LONTANO,MA QUESTA VITTORIA è BELLA COME AVERLO VINTO.
ORA PUPONE E ROMANISTI APPROFITTATENE E NON PARLATENE SEMPRE MALE DELLA VECCHIA SIGNORA,ANZI SE VINCERETE LO SCUDETTO ,INCHINATEVI E RENDETEGLI GLI ONORI DA VERI CAMPIONI E UOMINI( PER I COMMENTATATORI, NON VE NE VENITE CON LE SOLITE FREGNACCE SULLA JUVE..........).


GRAZIE JUVE
CI HAI REGALATO UNA PASQUA FAVOLOSA,
UNICO SOLE DI QUESTE GRIGIE GIORNATE.
DI NUOVO BUONA PASQUA A TUTTI!!!!

http://it.youtube.com/watch?v=kuTKpsu7Nyc




permalink | inviato da Costantinopolis il 23/3/2008 alle 21:0 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
DIARI
16 marzo 2008
Il rapimento di Aldo Moro

Oggi 16 marzo 2008 ricorre il trentesimo anniversario del Sequestro dello statista italiano e democristriano Aldo Moro da parte delle Brigate Rosse.
Non vorrei scrivere l'ennesimo papiro sulla questione,ma lasciarvi solo una piccola e personale testimonianza di quei giorni.
Era il 16 marzo del 1978 e se non erro un giovedì.
Già  da qualche  settimana l'aria nel nostro paese si fece pesante;le contestazioni,i terroristi e poi quel compromesso storico che tutti mal digerivano.
Io frequentavo la seconda media e ricordo che quel 16 marzo  come  una bella giornata assolata e calda anche se mi aspettavano 2 ore di matematica e due di italiano con le insegnanti più toste della sezione F.
Mio padre faceva di mestiere il poliziotto dellla P.S. cioè la  Pubblica Sicurezza, come si diceva una volta, e l'ansia di quei giorni diveniva all'interno della nostra famiglia ancora più pesante quasi da tagliare a fette.
Prima di portarmi a scuola mi avvertì che verso l'ultima lezione ed esattamente quella di ginnastica,sarebbe venuto a prendermi in anticipo per comprarmi delle scarpe per Pasqua.
Doveva essere sicuramente di giovedì ,poichè in paese in quel giorno avviene sempre  la fiera e  molti venditori di quel genere venivano per l'evento settimanale  e in genere si trovavano buone occasioni a poco prezzo.
La giornata procedeva come al solito ,con le spiegazioni e le interrogazioni, quando a metà lezione di matematica mio padre in divisa, entrò in aula e ,dopo essersi fatto annunciare,  bisbigliò qualcosa alla docente  la quale strabuzzò gli occhi e nel contempo fissandomi in modo strano.
 Poi con voce ferma ma preoccupata mi chiamò e mi invitò ad andare con mio padre.
Pensai come mai mio padre era venuto a quell'ora  quell'ora e durante la lezione della signorina Volpe?
Cosa avevo combinato per essere mirato in quel modo dalla prof di matematica.
Entrai in auto,la cara vecchia 750, di mio padre al quale però non chiesi nulla poichè temevo il peggio.
Infatti ,invece di recarci al Mercato, mi condusse a casa dove appresi del rapimento di Moro da mia Madre e dalla mia sorella maggiore.
Nell'aria c'era una forte preoccupazione e dolore soprattutto per i colleghi di mio padre morti nel fare il loro dovere ,come tanti e sempre poco ricordati.
Il pensierò andò anche a Moro perchè tra gli altri "...SEMBRAVA IL PIù ONESTO...".
Mio PADRE ci consigliò  di non uscire mentre ritornava al lavoro seguito dagli occhi preoccupati di tutti noi e dalla voce del giornalista che narrava l'accaduto.
Il giorno dopo tutte le scuole furono occupate e per precauzione ci fecero andare a casa.
Da allora iniziò un lungo calvario che terminerà solo a maggio ,esattamente il 9 maggio del 1978 ,evento legato di nuovo alla nostra famiglia,cosa di cui   vi narrerò in seguito.

Oggi voglio ricordare anche i nomi di quei 5 poliziotti della scorta di Aldo Moro, uccisi solo perchè facevano il proprio dovere e doppiamente uccisi perchè dimenticati.
Su http://www.lastoriasiamonoi.rai.it/stampa/stampaPuntata.aspx?id=307 
troverete note delle loro storie.

1)Domenico Ricci ;

2)Oreste Leonardi ;

3)Francesco Zizzi;

4)Giulio Rivera ;

5)Raffaele Iozzino



 




permalink | inviato da Costantinopolis il 16/3/2008 alle 22:2 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
politica estera
16 marzo 2008
Rivolta in Tibet: alcune immagini



permalink | inviato da Costantinopolis il 16/3/2008 alle 18:41 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
politica estera
15 marzo 2008
La rivolta tibetana,la Cina e le Olimpiadi

 Bandiera del Tibet prima del 1950. Questa versione è stata introdotta da Thubten Gyatso nel 1912. È utilizzata dal Governo tibetano in esilio e, per questo, vietata dalle autorità cinesi in quanto simbolo di separatismo.
Bandiera dell'indipendenza tibetana

Come per la Birmania ( a proposito che come è andata a finire la questione???????) i monaci tibetani si ribellano assieme alla popolazione LOCALE doc, contro la dominazione cinese che in tutti i modi da  quasi sessanta'anni ,dal giorno dell'invasione,ha cercato di cancellare l'originalità di questo paese con introduzioni forzate di popolazione cinese oltre che vessazzioni di vario tipo per chi aspira ad essere solo se stesso con la propria cultura ed identità.
Il governo di Pechino è sordo ad ogni trattattiva.
Attribuisce la colpa della rivolta, al Nobel della Pace  e capo spirituale del paese -il DALAI LAMA - i cinesi stanno CERCANDO DI SPEGNERE NEL SANGUE ,IN MODO BRUTALE ,COME IN GENERE FANNO I REGIMI DITTATORIALI DELLA PEGGIORE SPECIE.sembra di rivedere una seconda Tienan-Men della quale ancora oggi molti di noi conservano la memoria e le speranze cadute.
Non so se vi ricordate :il vento Gorbaciov entrò anche in quel paese e molti studenti protestarono pacificamente per ottenere un regime più umano e con più diritti.
In un primo momento sembrava che la cosa potesse andare in porto,ma l'ottusità del regime  fece finire tutto in un bagno di sangue e le belle speranze finirono miseramente.
Oggi il Tibet potrebbe realizzare quel sogno:la caduta del regime comunista più sanguinario e pericoloso in circolazione.
Potrebbe il gigante poilitico/militare /economico mostrare i suoi piedi d'argilla e crollare ,lasciando lo spazio ad una democrazia che tenga conto anche di uno sviluppo sostenibile di questo paese  la cui crescita incontrollata sta mettendo i seria crisi non solo i paesi occidentali ,ma anche il nostro pianeta?
NON RIMANIAMO SOLI I TIBETANI NELLA LOTO LOTTA:
LE POTENZE MONDIALI SI SVEGLINO E DIANO UN AUT - AOUT ALL'ARROGANTE CINA.
CHE SENSO HANNO LE OLIMPIADI IN UN PAESE IN CUI I DIRITTI BASILARI SONO NEGATI?

W IL TIBET LIBERO !!!!

BOICOTTIAMO
LE OLIMPIADI!!!!




permalink | inviato da Costantinopolis il 15/3/2008 alle 20:9 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
CULTURA
18 febbraio 2008
Mussolini e la dichiarazione di Guerra del 1940 -Lezioni di storia audiovisiva di Costantinopolis

Il presente non è mai svincolato dal passato e certi fatti e personaggi ritornano sempre anche se in versioni aggiornata.Per questo credo che sapere la storia sia fondamentale per la creazione du un futuro tranquillo e cosciente.

La Storia di Costantinopolis
-frammenti di memoria audiovisiva -
presenta:

"Dal discorso della dichiarazione di guerra di Benito Mussolini da palazzo Venezia"
tratto dal documentario della RAI "
I DISCORSI DEL DUCE "
PARTE FINALE
Il video che usiamo oggi è stato tratto dal sito
www.youtube.com .

Qualora il proprieterio del video ritenesse inopportuno ed inappropriato l'uso di queste immagini, si è disponibili a rimuoverle,ricordando che esse vengono usate per scopi educativi e divulgativi e non commerciali.





permalink | inviato da Costantinopolis il 18/2/2008 alle 14:0 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
sfoglia
  

Rubriche
Link
Cerca

Feed

Feed RSS di questo 

blog Reader
Feed ATOM di questo 

blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte

   
 

BLOG IN AETERNA COSTRUZIONE



Romae




Costantinopolis






 





In Aeterno
Viaggiare


 



Varie

o' sole


----------------
"Qualche volta,
al tramonto,
mi prende
la malinconia,
ma poi
all'improvviso
arriva questo
 vento fresco
e se la porta lontano.
E'
un vento strano
che non ho sentito
da nessuna altra parte;

un vento leggero
che mi vuole bene


Per non
dimendicare



 la Shoah
----------



  2 giugno 1946
----------------------


16 MARZO1978
RAPIMENTO MORO
------------------------

  
Bologna
2 Agosto 1980

------------



8 agosto 1956
Marcinelle
-----------------
9 ottobre 1963
"la tragedia del
Vajont"


------------




FORZA BIANCONERI 
RISORGEREMO!



   




Cartoline 






EVENTI
Feste,Mostre
e Convegni






SI CONSIGLIA
PER LE INFO
DI CLICCARE
SULLE FOTO

L'arte e
la storia:
Frammenti
di memoria
 




Genius Loci:
I Link




Film in sala
o in visione


   



 

 

 

 

 

 

 

Film
sull'impatto
al Pentagono






Iniziative

8 Giugno 2006
Giorno del
Silenzio
e della Pace


Via da una
guerra
senza senso
sempre che
la guerra
ne abbia uno!





Questo blog è
contro:










è favorevole:
 



Questo blog non rappresenta
 una testata giornalistica
in quanto aggiornato
senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi
 un prodotto editoriale ai
sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.
L'autore,inoltre, non ha alcuna
 responsabilità per quanto riguarda
 i siti cui è possibile accedere tramite
 i collegamenti posti all'interno del sito 
stesso, forniti come semplice servizio
agli utenti della rete. Il fatto che il
blog fornisca questi collegamenti
non implica l'approvazione dei siti
stessi, sulla cui qualità, contenuti e
 grafica si declina ogni responsabilità.





IL CANNOCCHIALE