.
Annunci online

Costantinopolis
IL NEW MAGAZINE DELLO S-M-O-R-A : " un vento leggero che mi vuole bene . "
televisione
13 marzo 2007
Amarcord:torna il Pinocchio di Comencini ma sul web
Per chi come me visse nel lontano 1972 l'emozione della poesia del Pinocchio di Comencini ( quello di Benigni non mi piacque affatto ),per chi la ritrovò agli inizi degli anni ottanta e per chi vorrebbe riprovarla o conoscerla (come le generazioni che non lo hanno visto) è disponibile adesso sul web dove è possibile vedere non solo le immagini ma la storia,le ambientazioni e gli interpreti di questo capolavoro in assoluto.

Il sito è

www.leavventuredipinocchio.com

Buon divertimento!(non è una bugia)!

Torna il Pinocchio di Comencini, ma sul web



permalink | inviato da il 13/3/2007 alle 14:48 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
CULTURA
4 ottobre 2006
Addio Riccardo!!! Un ricordo di riccardo Pazzaglia.
Oggi è scomparso Riccardo Pazzaglia una figura nota sia nel panorama dello spettacolo e della cultura Napoletana e nazionale.

Vi invito a leggere l'articolo che gli ha dedicato Repubblica che posto per voi tutti.

ADDIO RICCARDO  E GRAZIE DI TUTTO!!!!!

<B>Addio a Riccardo Pazzaglia<br>protagonista del salotto di Arbore</B>

http://www.repubblica.it/2006/10/sezioni/
spettacoli_e_cultura/
pazzaglia/pazzaglia/pazzaglia.html


ROMA - Riccardo Pazzaglia se ne è andato in silenzio da vecchio signore napoletano quale era, così come aveva vissuto. E' morto oggi a Roma all'età di 80 anni e i funerali, per volere della famiglia, si svolgeranno domani in forma strettamente privata.

Scrittore, attore, regista e conduttore radiofonico era nato a Napoli nel 1926 e, probabilmente, sarebbe rimasto sempre dietro le quinte del palcoscenico se non fosse stato per Quelli della notte, trasmissione televisiva che lo catapultò in una improvvisa e inaspettata notorietà.

Era il 1985, il programma firmato da Renzo Arbore per la Rai divenne subito un cult cambiando per sempre il rapporto tra l'elettrodomestico più diffuso e i telespettatori. Lui, in quel calderone colorato, chiassoso e decisamente surreale, divenne personaggio proprio per quel suo modo elegante e sommesso di porgere le battute che, non a caso, entrarono fulminee nel gergo degli italiani. Aveva il compito di "alzare il livello della trasmissione", ovvero di riportare - o fingere di farlo, che era lo stesso - la banda volutamente scalcinata messa insieme da Arbore all'altezza di una tv dalle aspirazioni colte.

Un compito surreale - almeno quanto il programma - che svolgeva in modo adorabile, quasi in silenzio, riuscendo a imporre il proprio nonsense sul caos generale, senza alzare mai la voce.

Lo aiutava sicuramente il fisico rotondetto e l'occhiale di chi aveva studiato. Ma anche quell'aria da "vecchio signore" assolutamente fuori registro rispetto al resto dello spettacolo.

Non a caso, il suo, era il ruolo del filosofo che a notte fonda si interroga sul senso della vita, sul chi siamo e da dove veniamo tentando di confutare con caparbietà la teoria del "brodo primordiale".

Arbore oggi lo ricorda così: "Era un grande uomo di idee, mai banale, che cercava sempre il diverso: basti pensare che le sue simpatie politiche andavano ai Borboni. Era l'antesignano di un umorismo raffinato, leggero e pulito".

Terminata la felice parentesi televisiva - Pazzaglia non parteciperà, tre anni dopo, all'altro grande contenitore arboriano Indietro tutta - il filosofo torna nell'ombra, evitando di sfarinarsi in comparsate e ospitate.

Pazzaglia è stato un regista eclettico anche se non felicissimo. Di lui si ricordano Separati in casa realizzato nell'87 sull'onda del successo televisivo insieme a Simona Marchini, tratto dal suo libro omonimo; L'onorata società (1961) con Franco Franchi, Ciccio Ingrassia, Vittorio De Sica e Domenico Modugno cui seguì nel '65 La fabbrica dei soldi con Aldo Giuffrè, Carlo Croccolo e Marisa Merlini. Da attore ha interpretato quasi tutti i film di Luciano De Crescenzo, da Croce e delizia a 32 Dicembre e Il mistero di Bellavista.

Soprattutto è stato autore di testi melodici memorabili. Racconta sempre Arbore che tra i motivi di stima verso Pazzaglia c'era proprio "il suo essere un grande autore di canzoni, in particolare per Domenico Modugno, con il quale aveva una grande intesa. Scrisse brani come Sole, sole, sole, Lazzarella, Io, mammata e tu, Meraviglioso".

(4 ottobre 2006)
 
 



permalink | inviato da il 4/10/2006 alle 16:7 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (7) | Versione per la stampa
28 maggio 2006
Il codice da Vinci :resoconto del film
Ieri ho visto il famoso film(premetto che non ho letto il romanzo,tranne Angeli e Demoni)ed in parte ne sono rimasto colpito positivamente almeno come opera cinematografica.
Non è uno di quei capolavori che lasceranno il segno se non per il richiamo al box office(che casino!!!!) però le scene,i flashback ,il ritmo serrato e i vari colpi di scena(anche se   alcuni scontati),le ricostruzioni e le atmosfere nonchè un rapido accenno al famoso orologio di Topolino del prof Langdon.
Come vi ho detto non ho letto il romanzo ma il precedente, quindi un'idea sul personaggi,il prof. Langdon, me la feci ed effettivamente se fisicamente e stile  Tom Hanks corrisponde al protagonista ,non lo è dal punto di vista dell'azione(magari sul tipo Harrison Ford prima maniera) e appariva troppo ingessato e monofaccia.
La protagonista bella ma anch'essa un pò assente(cazzo sei nel più importante enigma della storia  e sembri Mafalda  di Quino?).Comunque è uno spettacolo interessante,non fa pentire sui soldi spesi,magari ti fa venire anche voglia di comprare il dvd,però ricordiamoci che è solo fantasia senza grandi conferme storiche.
Vi aspetto nei prossimi giorni per parlare assieme di alcuni fatti storici parlati nel codice.

Ciao a tutti.



permalink | inviato da il 28/5/2006 alle 13:7 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa
sentimenti
4 marzo 2006
Oggi nel parco mi son venute
 in mente queste cose:

Soffi di gelido vento

Ultimi sospiri d’inverno

Fanno roteare le cartule morte

Danzanti nell’aere luminoso

Tra timidi canti di uccelli

E le prima  grida di giochi all’aperto

Nel tiepido sole

Di un sabato normale

S’avvisa nell’aria il risveglio,

 preludio  di una nuova stagione

Che attende soltanto

La brama di chi ama

Nel libero pensiero

Che il tutto anima.




permalink | inviato da il 4/3/2006 alle 20:54 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
letteratura
30 gennaio 2006
Visioni di Costantinopoli
Poesia futurista(e poco salutista)

E la sigaretta fila ancora... / e me ne va facendo di tutti i colori... / ora fa coni di ragnatela... /(...) poi gorghi e ghirigori / cangianti e trementi... / (...) o come storconsi, / come riattorconsi... / Come s'annodano, come si snodano... / alla follia!.. / alla follia!.. / Ma c'è papaveri? / Qui ce dell'oppio... / Che dolce ninna!.. Che ebbrietà!.. / Ma questo è hascisch! / datemi un harem! / Costantinopoli! / Costantinopoli!"

(da «Fumo» di CANGIULLO Francesco Napoli 1888 - Livorno 1977),  , pp. 79-80).




permalink | inviato da il 30/1/2006 alle 18:54 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa
sfoglia
  

Rubriche
Link
Cerca

Feed

Feed RSS di questo 

blog Reader
Feed ATOM di questo 

blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte

   
 

BLOG IN AETERNA COSTRUZIONE



Romae




Costantinopolis






 





In Aeterno
Viaggiare


 



Varie

o' sole


----------------
"Qualche volta,
al tramonto,
mi prende
la malinconia,
ma poi
all'improvviso
arriva questo
 vento fresco
e se la porta lontano.
E'
un vento strano
che non ho sentito
da nessuna altra parte;

un vento leggero
che mi vuole bene


Per non
dimendicare



 la Shoah
----------



  2 giugno 1946
----------------------


16 MARZO1978
RAPIMENTO MORO
------------------------

  
Bologna
2 Agosto 1980

------------



8 agosto 1956
Marcinelle
-----------------
9 ottobre 1963
"la tragedia del
Vajont"


------------




FORZA BIANCONERI 
RISORGEREMO!



   




Cartoline 






EVENTI
Feste,Mostre
e Convegni






SI CONSIGLIA
PER LE INFO
DI CLICCARE
SULLE FOTO

L'arte e
la storia:
Frammenti
di memoria
 




Genius Loci:
I Link




Film in sala
o in visione


   



 

 

 

 

 

 

 

Film
sull'impatto
al Pentagono






Iniziative

8 Giugno 2006
Giorno del
Silenzio
e della Pace


Via da una
guerra
senza senso
sempre che
la guerra
ne abbia uno!





Questo blog è
contro:










è favorevole:
 



Questo blog non rappresenta
 una testata giornalistica
in quanto aggiornato
senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi
 un prodotto editoriale ai
sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.
L'autore,inoltre, non ha alcuna
 responsabilità per quanto riguarda
 i siti cui è possibile accedere tramite
 i collegamenti posti all'interno del sito 
stesso, forniti come semplice servizio
agli utenti della rete. Il fatto che il
blog fornisca questi collegamenti
non implica l'approvazione dei siti
stessi, sulla cui qualità, contenuti e
 grafica si declina ogni responsabilità.





IL CANNOCCHIALE